Shop on line Cantina Pisoni

La Vendemmiata 2019

Un sorso di storia, tra tradizione e innovazione

Sabato 28 settembre 2019 l’azienda agricola Fratelli Pisoni ha aperto le porte di casa per una vendemmia collettiva: storia, cultura rurale, sostenibilità ambientale sono state al centro di un pomeriggio di festa


La vendemmia è il momento più importante per un Vignaiolo. Un anno di lavoro trova realizzazione e compimento, e il Vignaiolo può assaporare il gusto dei suo sforzi e delle sue fatiche, sperando di poter produrre il miglior vino possibile dalle proprie uve.
Ogni anno, per festeggiare questo momento con amiche e amici, appassionati di vino, amanti del territorio, l’azienda agricola Fratelli Pisoni apre le porte di casa per un momento particolare: una vendemmia collettiva, dal sapore antico, per rivivere insieme le tradizioni rurali della Valle dei Laghi.
Sabato 28 settembre a Pergolese (Sarche) si è ritornati per qualche ora indietro nel tempo. Le uve sono state infatti raccolte nel vigneto storico e pigiate con uno speciale torchio in legno, riproduzioni fedeli dell’affresco di Ottobre del “Ciclo dei Mesi”, dipinto nel XIV secolo dal maestro Venceslao sulle pareti di Torre dell’Aquila, presso il Castello del Buonconsiglio di Trento.
Nel rispetto della tradizione raccontata dall’affresco, nel vigneto non sono stati usati cemento, plastica e filo di ferro, ma solo pali di castagno trentino e materiale naturale. In questo vigneto si realizza pienamente la filosofia biologica e biodinamica di Marco e Stefano Pisoni: avendo piantato varietà resistenti, franche di piede, le vigne non necessitano di alcun trattamento fitosanitario. Il lavoro è svolto in modo completamente manuale, come nel Medioevo, senza l’utilizzo di macchinari motorizzati.
Tutti i partecipanti sono stati così protagonisti della nascita della nuova annata del Mesum, l’ultimo vino di casa Pisoni: un vino di lieve dolcezza, rispettoso della natura, fedele a una storia secolare, ma che guarda a un futuro di sostenibilità ambientale e all’equilibrio dell’ecosistema.

Ph. Manuel Venturini

Indietro